domenica 2 marzo 2008

TIRAMISÙ

PRIMAVERA
Sarà un volto chiaro.

S'apriranno le strade
sui colli di pini
e di pietra....
I fiori spruzzati
di colore alle fontane
occhieggeranno come
donne divertite:
Le scale
le terrazze le rondini
canteranno nel sole.
(C. Pavese)


Ed è cominciato anche marzo.

La primavera si sta avvicinando a passi da gigante e questo periodo mi mette addosso stanchezza ed iperattività allo stesso tempo. Ci sono pomeriggi, in cui non lavoro, che non riesco a stare ferma, mentre altri mi appisolo sul divano tutta raggomitolata come un riccio e non riesco più ad uscire dal mio torpore.
Ma con la primavera si è risvegliata anche la mia voglia di cioccolato e di dolce che era, quasi, sparita dalle feste di Natale. Il tiramisù è sicuramente uno dei miei preferiti ed ho deciso di prepararne uno per questa stupenda prima domenica di marzo e dopo penso andrò a farmi una bella passeggiata.

Questa ricetta è il risultato di alcune prove e modifiche di varie ed eventuali che mi capitavano sotto mano. Come il ragù, penso che anche per questo buonissimo dolce tutto italiano ognuno abbia una ricetta diversa: c'è chi lo fa con i pavesini, chi con la crema al limoncino, chi lo preferisce quasi asciutto e chi invece ben imbevuto di caffè.
La mia è una ricetta molto semplice ed abbastanza tradizionale. Spero vi piaccia!


INGREDIENTI PER UN TIRAMISÙ PER 6 PERSONE:

  • 3 uova

  • 150 g di zucchero
  • 500 g di mascarpone
  • 2 pacchi di savoiardi (io preferisco usare i Vincenzovo)
  • caffè
  • cacao amaro in polvere per guarnire

Montare bene i tuorli con lo zucchero fino ad ottenere un composto denso e morbido. Aggiungere il mascarpone ed amalgamare bene il tutto. Aggiungere infine con delicatezza, mescolando sempre dall'alto verso il basso, gli albumi montati a neve ferma.

Preparare il caffè e versarlo in un piatto leggermente fondo (senza zucchero). I savoiardi vanno imbevuti entrambi i lati nel caffè rapidamente (altrimenti, essendo il caffè ancora caldo, si spappolerebbero). Consiglio di usare sempre caffè caldo poiché questa operazione risulta in questo modo molto più veloce e semplice.

Intervallare uno strato di savoiardi con uno di crema (risultano circa due strati di ognuno) e terminare il tutto con la crema. Mettere in frigo per almeno due ore ed al momento di servire spolverare il tiramisù con il cacao amaro.


_________________________________________________________________

Con questa ricetta partecipiamo alla raccolta di Tiramisù di Mariluna (Via delle Rose)

5 commenti:

Luca ha detto...

Peccato...ho già iniziato una cura di ginseng in previsione della stanchezza primaverile. Se lo avessi saputo prima, mi sarei organizzato con una bella fettona di Tiramisù ogni mattino!

Anonimo ha detto...

che invitante questo tiramisù! facciamo un V-DAY alla dieta e abbuffiamoci!!!

tizy ha detto...

...come mi sarebbe piaciuto assaggiarlo...

Zirela Blog ha detto...

Caro Luca,
cura di ginseng? Ma dai, che non c'è niente di meglio che del buon cibo! E tante arance, ovviamente (bisogna approfittarne visto che sta terminando la stagione)!

Sono proprio d'accordo con Anonimo che possiamo cominciare con un bel V-day alla dieta.. tra poco vista la primavera in arrivo, cominceranno a bombardarci con la "prova costume".. AIUTO.

Cara Tizy,
peccato che Nicola sia intollerante ai latticini, altrimenti te lo avrei fatto per la prossima cena!

Mariluna ha detto...

E' perfetto e che bel blog!!!!con calma visitero' tutto anzi vi metto nei miei preferiti...Grazie